Pubblicato il 20 Novembre 2023Ultimo Aggiornamento: 21 Luglio 2023

La visualizzazione di dati geografici è una delle sfide più interessanti e complesse nel campo della visualizzazione delle informazioni. La combinazione di dati quantitativi e qualitativi con informazioni geospaziali richiede infatti spesso un approccio innovativo e una gamma di tecniche specifiche per garantire una comunicazione efficace e una facile interpretazione dei dati. Vediamo allora qui di seguito consigli e tecniche più comuni per visualizzare dati geografici.

 

Mappe coropletiche

Le mappe coropletiche sono uno degli strumenti più comuni per visualizzare dati geografici.

Fonte: https://www.researchgate.net/figure/Choropleth-map-of-the-urban-area-of-Santiago-Chile-Each-municipality-is-colored_fig6_322787556

Questo tipo di mappa utilizza aree colorate o modellate per rappresentare valori di variabili quantitative all’interno di unità geografiche distinte, come regioni amministrative, Stati o Paesi. Le mappe coropletiche sono particolarmente utili per evidenziare tendenze, distribuzioni e differenze regionali in vari tipi di dati, come densità di popolazione, reddito medio o tassi di criminalità.

Uno dei principali vantaggi di questo tipo di visualizzazione è la loro capacità di presentare dati complessi in modo visivamente semplice e intuitivo, facilitando la comprensione delle relazioni geografiche e la comparazione tra diverse unità geografiche.

Tuttavia, le mappe coropletiche presentano anche alcune limitazioni, tra cui la difficoltà nel rappresentare dati con una distribuzione molto variabile o in presenza di outlier. Inoltre, la scelta della scala di colori e delle classi di dati può influenzare notevolmente l’interpretazione delle informazioni presentate, rendendo cruciale un’attenta progettazione e selezione dei parametri.

 

Mappe a bolle

Le mappe a bolle sono un’altra tecnica popolare per visualizzare dati geografici.

Fonte: https://support.google.com/looker-studio/answer/9713352?hl=it#configure-a-bubble-map&zippy=%2Ccontenuti-di-questo-articolo%2Cconfigurare-una-mappa-a-bolle

Invece di utilizzare aree colorate, le mappe a bolle rappresentano le variabili quantitative attraverso la dimensione delle bolle posizionate in specifici punti geografici, come città, stazioni meteorologiche o luoghi di interesse. Questo tipo di mappa è particolarmente adatto per visualizzare dati puntuali, come il numero di visitatori di un museo, la quantità di precipitazioni in diverse località o il volume di vendite di un prodotto in diversi negozi.

Le mappe a bolle offrono una rappresentazione visiva immediata delle differenze quantitative tra diverse località e consentono una facile identificazione delle aree di maggiore o minore interesse. Tuttavia, come per le mappe coropletiche, le mappe a bolle presentano alcune limitazioni, tra cui la difficoltà nel rappresentare un gran numero di località o dati con una distribuzione molto variabile. Inoltre, la sovrapposizione delle bolle può rendere difficile la lettura delle informazioni, richiedendo l’utilizzo di tecniche di disambiguazione, come la trasparenza o il clustering.

Un’altra considerazione importante per le mappe a bolle riguarda la percezione visiva delle dimensioni delle bolle. Poiché gli esseri umani tendono a percepire le differenze nelle dimensioni lineari piuttosto che nelle aree, è importante utilizzare una scala di dimensioni appropriata per rappresentare correttamente le differenze nei valori dei dati. Altrimenti, le differenze tra le bolle potrebbero apparire ingannevolmente esagerate o sottostimate.

Scopri i nostri corsi di formazione

Mappe di densità e mappe di calore

Le mappe di densità e le mappe di calore sono tecniche di visualizzazione dei dati geografici che si concentrano sulla rappresentazione della distribuzione e della densità di variabili quantitative in un’area geografica.

Fonte: https://public.tableau.com/app/profile/agata1619/viz/TheCostofChildCareintheU_S_/TheCostofChildCare

Mentre le mappe di densità utilizzano sfumature di colore o modelli per indicare la densità di un fenomeno in un’area specifica, le mappe di calore utilizzano gradienti di colore per rappresentare la “temperatura” relativa dei dati, con colori più caldi che indicano valori più alti e colori più freddi che indicano valori più bassi.

Queste tecniche sono particolarmente utili per identificare cluster, pattern e tendenze geografiche nei dati, come la concentrazione di crimini in una città, la distribuzione di malattie in una regione o la densità di attività commerciali in un’area urbana. Tuttavia, anche le mappe di densità e le mappe di calore presentano alcune sfide, tra cui la scelta di una scala di colori appropriata, la determinazione della giusta granularità dei dati e la gestione dei problemi di confidenzialità e privacy legati alla visualizzazione di dati sensibili.

 

Cartogrammi

I cartogrammi sono un tipo di mappa geografica che distorce la dimensione delle unità geografiche in base a una variabile quantitativa di interesse, come la popolazione, il prodotto interno lordo o il consumo energetico.

Fonte: https://i0.wp.com/vizjockey.wpcomstaging.com/wp-content/uploads/2022/10/image-15.png?w=2048&ssl=1

Questa tecnica fornisce una rappresentazione visiva alternativa dei dati geografici, che enfatizza le differenze nelle variabili quantitative piuttosto che le dimensioni o le forme reali delle unità geografiche.

I cartogrammi possono offrire una prospettiva unica e stimolante sui dati geografici, aiutando a sfidare le percezioni tradizionali e a concentrare l’attenzione sulle relazioni tra variabili quantitative e distribuzioni geografiche. Tuttavia, i cartogrammi possono anche essere difficili da interpretare e leggere, in particolare per utenti non esperti o per coloro che non sono familiari con le distorsioni introdotte dalla tecnica.

 

Conclusioni

La visualizzazione dei dati geografici richiede la conoscenza di una vasta gamma di tecniche e strumenti, ognuno con i suoi pregi e limiti. Le mappe coropletiche, le mappe a bolle, le mappe di densità, le mappe di calore e i cartogrammi sono solo alcune delle tecniche più comuni e potenti utilizzate per comunicare efficacemente le informazioni geografiche. La scelta della tecnica più appropriata dipenderà dai dati specifici, dagli obiettivi della visualizzazione e dal pubblico a cui è destinata. In ogni caso, è fondamentale prestare attenzione alla progettazione, alla selezione dei parametri e alla presentazione dei dati per garantire una comunicazione chiara ed efficace delle informazioni geografiche.

Alcuni fattori chiave da considerare nella scelta e nell’implementazione delle tecniche di visualizzazione dei dati geografici includono la scala geografica, la granularità dei dati, la distribuzione dei valori, la comprensibilità per il pubblico e la rilevanza delle informazioni presentate.

Nel compiere delle scelte, è essenziale tenere presente che nessuna tecnica di visualizzazione dei dati geografici è perfetta o universale. Pertanto, è spesso utile combinare e confrontare diverse tecniche per offrire una visione più completa e approfondita dei dati geografici. La continua evoluzione delle tecnologie di visualizzazione e l’interazione tra i diversi campi della scienza dei dati, della geografia e del design grafico offrono opportunità sempre nuove e stimolanti per migliorare la comunicazione e la comprensione dei dati geografici.

Impara a padroneggiare l’arte del Data Storytelling

Condividi l'Articolo

Fabio Piccigallo

Un articolo scritto da Fabio Piccigallo

Articoli recenti

Categorie

Data Storytelling

Signals always point to something. In this sense, a signal is not a thing but a relationship. Data becomes useful knowledge of something that matters when it builds a bridge between a question and an answer. This connection is the signal. Stephen Few